Il momento molto delicato che la nostra società sta attraversando offre molte opportunità a chi vuole meglio comprendere alcune dinamiche del mondo della Borsa e soprattutto come Comprare Azioni.

C’è più tempo in questo 2020 per lo studio e per la riflessione e allora perché non investire il nostro tempo nel capire a fondo i meccanismi della borsa online?

comprare azioni e borsa online

Al giorno d’oggi attraverso le azioni borsistiche si mette in moto un giro d’affari enorme: non importa se per speculare sulla quotazione o per incassare i dividenti, la borsa viene utilizzata continuamente in tutto il mondo.

Ad ogni ora del giorno c’è senza dubbio un mercato azionario in pieno funzionamento che attira investitori e fa sì che, attraverso le piattaforme online, tutto il mondo ne venga coinvolto.

Con il mercato borsistico il rischio è sempre presente, come in ogni investimento del resto, ma a ridurre il rischio solitamente è proprio un’approfondita conoscenza delle dinamiche e degli strumenti in gioco.

Proprio con questo fine veniamo a presentarvi una serie di delucidazioni che potrebbero esservi utili nel capire più a fondo come si compra e come si vendono azioni online.

Comprare azioni

Non ci sono soluzioni alternative: per diventare azionisti bisogna comprare delle azioni! Che tu sia un privato o un’istituzione per diventare azionista devono necessariamente comprare azioni in Borsa.

Sembra una banalità esporre questo concetto così semplice ma se si vogliono comprendere i meccanismi più sofisticati della Borsa è bene iniziare con basi ben salde.

L’utilizzo più diretto, semplice e diffuso delle azioni è quello di essere messe sul mercato direttamente dalla società al fine di venire acquistate dagli investitori.

Una società che si quota in Borsa può infatti decidere di emettere delle proprie azioni sul mercato offrendo l’acquisto delle stesse direttamente online.

Detto questo, solitamente, per comprare azioni online è indispensabile affidarsi ai servizi di un intermediario. In questo caso si avrà a che fare con una banca online o con un mediatore online.

Vi è un ulteriore modo di acquistare azioni online: si può infatti interagire direttamente con il venditore quando egli è un investitore proprio come voi.

Riepilogando: si possono acquistare azioni online principalmente in tre diverse modalità: acquistando direttamente dalla società emittente, attraverso un mediatore o banca online o acquisendole direttamente da un altro investitore.

Senza dubbio il sistema più semplice e di successo è quello di acquistare tramite intermediari certificati. Vediamo come comprare azioni online più nel dettaglio.

Acquistare e vendere azioni tramite le banche online

Senza dubbio questa è la metodologia più semplice e veloce a disposizione degli investitori, specialmente quando si tratta di neofiti alle prime esperienze.

Comprare e vendere azioni è davvero intuitivo quando ci si affida ad una banca, specialmente quelle online. La loro struttura di base è proprio perfezionata sulla possibilità di fare trading azionario attraverso la piattaforma internet.

Ogni operazione, quando si agisce tramite una banca online, diventa estremamente semplice perché è l’Istituto stesso che si prenderà cura di eseguire i vostri ordini.

comprare azioni tramite banche online

Sarà la banca ad acquistare o vendere, per vostro conto, le azioni che avrete scelto. E’ un sistema davvero molto apprezzato dai clienti delle banche online che dovranno semplicemente sottoscrivere un piano risparmio in azioni, un conto titoli o un’assicurazione sulla vita. Questi sono i prodotti bancari di piazzamento in Borsa più popolari.

L’acquisto azioni tramite istituto bancario online è davvero un servizio efficiente ma, come tutti i servizi, ha dei costi. Ovviamente quando si è nella condizione di acquistare azioni online per conto proprio, non si hanno ulteriori spese.

Se invece a farlo per voi è la banca, ovviamente ci sarà da pagare una piccola commissione bancaria: solo in rari casi gli istituti chiedono per questo tipo di operazioni commissioni superiori al 4%.

Fare investimenti in borsa tramite una banca online offre non soltanto la facilità di utilizzo ma anche la competenza messa a disposizione da parte degli intermediari di consulenti e specialisti del mercato, oltre che di strumenti di analisi spesso molto utili.

Acquistare e vendere azioni tramite i mediatori online

Un’altra buona scelta per acquistare azioni online in piena sicurezza e in maniera molto efficace, è senza dubbio quella di rivolgersi ad un mediatore online.

Il sistema di fondo è molto simile a quello delle banche online ma prevede commissioni più basse. Attraverso un mediatore online infatti si possono fare investimenti in borsa a costi più modesti.

Il segreto di questo risparmio è che non ci sono consulenti o esperti ad indirizzare e sostenere le vostre scelte. Questa metodologia di acquisto di azioni online è infatti molto popolare agli investitori esperti che già conoscono tutte le dinamiche della borsa e preferiscono un risparmio sulle commissioni anziché un’assistenza personalizzata.

Possiamo immaginare il trading online tramite banca come un metodo per investire con una sorta di paracadute costituito dai consulenti e dagli esperti messi a vostra disposizione dall’istituto.

Con i mediatori online invece siete voi a decidere quali azioni vendere o comprare, quando farlo e come. Tutto è nelle vostre mani e non ci sono altri paracadute.

Questi operatori che vengono anche chiamati con un termine anglofono molto conosciuto, “broker”, offrono anche altre possibilità di investimenti azionari.

Il cliente che compra azioni online può infatti decidere di utilizzare sistemi diversi: ci riferiamo ai CFD (Contratti per Differenza). Attraverso questo strumento non si va ad acquistare realmente azioni ma si può comunque speculare sulla evoluzione del valore delle stesse.

Risulta fin troppo evidente che esistono diversi metodi di approccio all’acquisto e alla vendita di azioni online, ma prima di tuffarsi in questo mare di investimenti in borsa bisogna tenere presente diversi elementi, tra cui almeno due meritano di essere approfonditi.

Innanzitutto, dal punto di vista meramente pratico, bisognerà valutare in maniera corretta la questione delle commissioni. Il guadagno è guadagno e sacrificarne una parte è sempre una scelta difficile ma che va fatta in maniera consapevole.

A parità di servizio sarà comunque bene scegliere la soluzione che richiede commissioni più basse. Ma, d’altro canto, bisogna stare attenti a non intestardirsi nell’utilizzo di servizi a basso costo che però non riescono a darvi ciò di cui avete bisogno.

E qui arriviamo al secondo elemento da tenere sempre presente: la vostra preparazione. La vostra conoscenza in ambito borsistico è di fondamentale importanza anche per scegliere con accuratezza la metodologia migliore per voi.

Se non avete ancora le conoscenze sufficienti a muovervi nel contesto azionario con disinvoltura è meglio sacrificare una piccola percentuale di guadagno per garantirsi un minimo di assistenza che vi consentirà di investire in maniera più intelligente i vostri risparmi.

Studiare le dinamiche borsistiche e prepararsi sui metodi di investimento, sulle meccaniche, sui criteri e sugli strumenti a disposizione degli azionisti è il primo grande investimento che va fatto ancor prima di aprire il vostro portafoglio.

Non esiste nessuna regola santa che vi farà guadagnare sempre in Borsa ma la vostra capacità di lettura del mercato, le vostre conoscenze degli intricati sistemi di compravendita saranno sempre il vostro paracadute speciale.

Nessun altro investimento potrà mai essere paragonato a quello che farete su voi stessi studiando e approfondendo la materia borsistica. L’investimento in conoscenza non ha eguali.

A tal proposito vediamo qui di seguito di approfondire un po’ le vostre conoscenze analizzando meglio la questione al fine di capire fino in fondo come investire in azioni.

Il momento: quando è più giusto comprare azioni in borsa?

Il fattore tempo nelle dinamiche borsistiche è semplicemente determinante. Una buona azione in un determinato momento potrebbe non esserlo più se acquistata in un periodo differente.

Le decisioni di Borsa devono tenere conto di questo importantissimo fattore se si vogliono ottenere risultati soddisfacenti. Esiste dunque una regola che ci aiuta a capire quando è il momento giusto per acquistare azioni?

Non esiste una regola definitiva ma esistono molte considerazioni che si possono fare se si ha intenzione di acquistare azioni di una determinata società per decidere se il momento è quello giusto.

quando acquistare azioni in borsa

Per prima cosa, ad esempio, è bene quando si ha poca esperienza in campo borsistico affidarsi all’acquisto di azioni di capitale di società quotate in borsa da diversi anni.

In questo modo si avranno più dati a disposizione per prevederne il potenziale in termini di dividendi a lungo termine. Avere uno “storico” della società aiuta molto i neofiti dell’investimento.

Se invece si viene maggiormente attratti dalle società fresche che propongono innovazione e che emettono i propri titoli sul mercato per la prima volta, bisognerà essere coscienti che nell’acquisto di questo tipo di azioni il fattore rischio si alza di molto.

Non ci sono abbastanza informazioni per fare previsioni con un minimo di attendibilità, soprattutto per un neofita degli investimenti. Un investitore inesperto che compra azioni online di società appena entrate sul mercato, spesso si affida all’intuito e alla sua buona stella.

Non è però questo un metodo molto strategico e non lo raccomanderemmo a nessuno perché è bene ribadire che gli investimenti in borsa non sono scommesse o puntate al casinò.

Nel caso del trading online tramite i CFD, di cui abbiamo accennato poco sopra, il fattore tempo diventa ancora più determinante proprio per la struttura dei Contratti per Differenza.

Infatti con i CFD non si acquistano vere e proprie azioni ma si potrà andare a speculare sull’aumento o sul calo dei prezzi dei mercati finanziari globali in rapida evoluzione.

L’idea alla base dell’investimento in Borsa è comunque semplicissima: si acquistano azioni che secondo le nostre previsioni, in una determinata fascia temporale, andranno ad aumentare il loro valore.

Si compra ad un prezzo minore e si vende ad un prezzo maggiore. Sembra banale ridurre tutto il meccanismo azionario a questo concetto ma come già detto per chiarire al massimo le dinamiche complicate della Borsa è bene rafforzare i concetti base.

Le caratteristiche ideali delle azioni in borsa da acquistare

Prima di acquistare azioni online è sempre bene preparare una strategia di base. Bisogna, in poche parole, dare del criterio alle nostre scelte.

Come già accennato la borsa non è un casinò dove si segue il proprio istinto: negli investimenti azionari bisogna sviluppare strategie, studiare il mercato e affidarsi ad indicatori e tendenze.

Una azione da comprare deve racchiudere in sé un certo numero di criteri, tra cui senza dubbio devono essere presenti alcuni di quelli che vi andiamo a riportare qui di seguito.

  • L’azione borsistica che abbiamo individuato è all’interno di una tendenza rialzista forte e molto stabile. Questo è sempre un criterio d’acquisto di fondamentale importanza.
  • Un evento sta influenzando o andrà senza dubbio ad influenzare il rialzo della quotazione dell’azione che abbiamo messo sott’occhio. Ad esempio, è quello che è successo a chi ha comprato azioni di Amazon nei giorni precedenti all’inizio dei lockdown in giro per il mondo.
  • Gli indicatori ci annunciano un rialzo della tendenza negativa di un’azione o la sua continuazione in tendenza al rialzo. Quando gli indicatori puntano in alto è sempre bene raddrizzare le antenne.
  • Il settore della società su cui abbiamo intenzione di investire è in forte espansione. Quando tutto un settore gode di un forte vento propizio è sempre bene cercare di investire in quell’ambito.

Le caratteristiche ideali delle azioni in borsa da vendere

Analizziamo adesso le condizioni ideali per la fase due del nostro investimento: andare a vendere l’azione comprata, seguendo i criteri riportati al capitolo precedente, e fare in modo di intascare un utile.

In realtà un’azione si può andare a rivendere anche soltanto per recuperare il denaro investito in modo da andare ad acquistare altre azioni che ci sembrano più promettenti. Non sempre deve esserci un utile.

Ovviamente un investitore preferisce ricavare sempre un utile da ogni vendita, ma non sempre è possibile. Per cui bisogna sempre considerare la possibilità di utilizzare la vendita al fine di recuperare il proprio investimento da destinare ad altre aree.

Quando si ha nel proprio portafoglio una serie di azioni che cominciano a risultare “stanche”, ovvero che pagano dividendi sempre più ridotti, bisogna iniziare a prendere in considerazione l’ipotesi di spostare il proprio investimento.

L’idea di fondo nella vendita è quella di riuscire a piazzare sul mercato una determinata azione quando questa tocca una vetta particolarmente alta.

Anche qua avremo a disposizione indicatori ed analisi approfondite per andare a comprendere quando è il momento di vendere. Il processo non è poi così differente da quello che abbiamo già fatto.

Infatti possiamo anche utilizzare gli stessi strumenti che abbiamo adoperato per acquistare proprio quelle azioni che adesso vogliamo vendere: basterà leggere gli indici in maniera diversa.

Non andremo dunque a cercare una tendenza al rialzo ma andremo a prevedere una tendenza al ribasso e cercheremo di anticiparla per quanto ci è possibile.

Trattare i CFD

Come abbiamo già visto le piattaforme online consentono di trattare diversi prodotti finanziari che non prevedono necessariamente l’acquisto di una determinata azione.

Si tratta di speculazioni sul calo della quotazione di una determinata azione. Con i CFD infatti si può investire sia nell’acquisto che nella vendita di azioni borsistiche in maniera da massimizzare i profitti anche in momenti di difficoltà e di ribasso del mercato.

Le caratteristiche principali per vendere un CFD devono corrispondere ad un certo numero di criteri, tra cui senza dubbio devono essere presenti alcuni di quelli che vi andiamo a riportare qui di seguito.

  • Se la quotazione del prodotto gode di una tendenza forte e stabile.
  • Ci si aspetta che un evento che si è già verificato o che si accinge a verificarsi porterà ad un calo, o peggio ad un crollo, dell’attivo.
  • Gli indicatori tecnici preannunciano un forte calo o un’inversione al ribasso su una determinata azione.
  • Quando il settore nel quale agisce la società su cui abbiamo investito è colpito da una forte crisi economica.

Strategia a breve termine d’investimento in azioni

Il fattore tempo è determinante nelle transazioni e si possono distinguere due filosofie fondamentali: quella a breve termine e quella a lungo termine.

strategia comprare azioni e borsa online

Nel caso di investimenti a breve o addirittura a brevissimo termine si tratta di movimenti che prevedono l’acquisto e la vendita in pochissimo tempo.

Il day trading, ad esempio, è un tipo di strategia in cui l’investitore compra e vende le azioni all’interno della stessa sezione di Borsa. Gli obiettivi per questo tipo di strategia non possono essere molto alti, onde evitare di incappare su correzioni ribassiste.

Così come se si opta per una strategia in cui si tengono le azioni per alcuni giorni, bisognerà essere pragmatici e non cercare rialzi esagerati perché l’attesa può esporre a gravi perdite. Bisogna chiudere quando si raggiungono degli obiettivi realistici.

Strategia a lungo termine d’investimento in azioni

L’ottica degli investimenti a lungo termine con il mercato azionario prevedono una modalità di ragionamento dell’investitore estremamente diversa rispetto a quella di chi investe a breve termine.

Non bisogna cedere nei momenti di ribasso che fanno parte di una serie di micromovimenti più che naturali nella dinamica borsistica. E’ necessario fissarsi degli obiettivi, ragionevolmente più alti rispetto alle posizioni iniziali, ed attendere senza farsi spaventare dalle correzioni passeggere.

Per questo tipo di investimenti è necessario avere a propria disposizione un capitale sufficiente a coprire gli eventuali ribassi temporanei.

Quando interrompere la strategia e vendere immediatamente

Se davvero si vuole comprendere a fondo come investire in azioni bisogna fissarsi in testa un principio di base: nulla è mai del tutto certo e sicuro.

Per questo è importante avere sempre pronta una strategia d’uscita che può essere applicata a qualunque tipo di investimento. Ridurre le perdite a volte è il miglior guadagno che si possa fare.

Esistono infatti dei casi particolari in cui le condizioni inducono a rivendere immediatamente le proprie azioni senza perdersi in considerazioni troppo complesse.

E’ il caso, ad esempio, di azioni che vanno al di sotto di una soglia critica che indica un’ulteriore ribasso in arrivo. In questo caso è del tutto inutile aspettare di toccare il fondo, meglio vendere.

Le soglie critiche ci vengono indicate dagli strumenti di analisi e dagli indicatori che ci vengono forniti dalle piattaforme online. Saper leggere indicatori e grafici diventa fondamentale proprio per queste ragioni.

Un altro esempio di caso in cui è meglio vendere immediatamente le proprie azioni, interrompendo la nostra strategia di investimento, è quando si evidenzia che certe imminenti pubblicazioni potranno aprire una crisi economica sulla società su cui abbiamo investito.

I costi dell’acquisto e della vendita di azioni

Veniamo ad uno dei punti delicati di questa tematica: acquistare e vendere azioni ha dei costi ma tutto dipende dalla nostra strategia di investimento con cui ci appropinquiamo alla Borsa Online.

Se si ha un portafoglio di borsa tramite l’intermediazione di un ente di piazzamento borsistico, ogni azione in Borsa avrà un suo preciso costo e una voce chiamata “spese di mediazione”.

Questa voce può variare sensibilmente da un mediatore all’altro: c’è chi fa pagare in base al titolo scambiato, chi si basa sull’ammontare della transazione, chi in base al mercato… Sono tante le possibilità.

Il costo dell’intermediazione si esprime in due modi prevalentemente: con un costo fisso o con una percentuale sull’ammontare della transazione.

Proprio per questi motivi, in base alla strategia che si vuole adoperare nei nostri investimenti e tenendo in considerazione il dettaglio delle spese applicate, sarà molto importante scegliere un intermediario che si adatti al meglio alle nostre esigenze.

Nel trading online ovviamente le spese sono minori e tutto il sistema è molto più semplice. Nel caso dei CFD, il mediatore non applica un vero e proprio tariffario per le operazioni ma si basa sullo spread.

Ovvero il sistema si basa sulla piccola differenza tra quotazione reale di un attivo e la quotazione di acquisto, o di vendita. In pratica quando si andrà a fare un acquisto il prezzo sarà leggermente superiore all’attivo reale, e quando si andrà a vendere il prezzo sarà leggermente inferiore all’attivo.

Il trading automatico

Gli investimenti in Borsa sono diventati negli anni sempre più popolari e il mercato che un tempo era privilegio di pochi si è aperto a tutti.

Questo è stato possibile grazie al grande sviluppo tecnologico che il mercato borsistico ha vissuto negli ultimi 20/30 anni e all’espansione della computerizzazione nelle trattative.

Grazie ai sistemi automatici di trading, tutto il “lavoro sporco” viene fatto dal computer in maniera del tutto automatica e all’investitore non rimane che stabilire le strategie di base.

Questi software sono creati appositamente per garantire un efficacia assoluta, un’interfaccia semplice da leggere ed interpretare e una sicurezza garantita da standard internazionali.

Per mezzo di questi sistemi anche un neofita può operare in borsa rapidamente ed in piena sicurezza.

Torna su