Fare Analisi Tecnica e' veramente utile?

Che cos’è l’analisi tecnica?

L’analisi tecnica è una disciplina di trading utilizzata per valutare gli investimenti e identificare le opportunità di trading analizzando le tendenze statistiche raccolte dall’attività di negoziazione, come la variazione dei prezzi e il volume. A differenza degli analisti fondamentali, che tentano di valutare il valore intrinseco di un titolo,  gli analisti tecnici si  concentrano su modelli di movimenti dei prezzi, segnali di trading e vari altri strumenti di analisi analitica per valutare la forza o la debolezza di un titolo.

analisi tecnica settori

L’analisi tecnica può essere utilizzata su qualsiasi titolo con dati storici di trading. Ciò include azioni,  futures,  materie prime, valute e altri titoli . In questo tutorial descriviamo come l’analisi tecnica sia utilizzata per il Trading Online su vari strumenti finanziari, e sia una delle tante strategie di trading online. In effetti, l’analisi tecnica è molto più diffusa nei  mercati delle materie prime e del forex, dove i  trader si  concentrano sui movimenti dei prezzi a breve termine.

  • L’analisi tecnica è una disciplina di trading utilizzata per valutare gli investimenti e identificare le opportunità di trading nelle tendenze dei prezzi e nei modelli visti nei grafici.
  • Gli analisti tecnici ritengono che le precedenti attività di negoziazione e le variazioni di prezzo di un titolo possano essere preziosi indicatori dei futuri movimenti di prezzo del titolo.
  • L’analisi tecnica può essere contrapposta all’analisi fondamentale, che si concentra sui dati finanziari di un’azienda piuttosto che su modelli di prezzo storici o andamenti delle azioni.

Le basi dell’analisi tecnica

L’analisi tecnica come la conosciamo oggi è stata introdotta per la prima volta da Charles Dow e dalla teoria di Dow alla fine del 1800.  Numerosi ricercatori degni di nota tra cui William P. Hamilton, Robert Rhea, Edson Gould e John Magee hanno ulteriormente contribuito ai concetti della teoria di Dow aiutandoli a formare le sue basi. Ai giorni nostri, l’analisi tecnica si è evoluta per includere centinaia di modelli e segnali sviluppati attraverso anni di ricerca.

Analisi Tecnica Charles Dow

La Teoria di Dow: I 6 punti basilari

Charles Dow nacque nel lontano 1851 e può essere considerato il fondatore dell’analisi tecnica, i suoi principi infatti, vengono utilizzati per comprendere e analizzare il comportamento del mercato. Fu un importante giornalista americano, fondatore del Wall Street Journal, che diventò uno dei giornali finanziari più importanti al mondo, anche ai giorni nostri.

Dai suoi studi nacque il Dow Jones Industrial Average e il Dow Jones Transportation Average, mentre i suoi principi e le regole di base per governare l’analisi tecnica sono oggi conosciuti come Teoria di Dow, pubblicata proprio attraverso una serie di articoli nel Wall Street Journal.

La teoria di Dow si fonda su sei punti fondamentali che riassumo regole e principi che spiegano il comportamento dei prezzi degli strumenti finanziari:

1. Il mercato sconta tutto
2. Il mercato è formato da trend : trend primario, secondari e minori
3. Il trend primario è costituito da tre fasi: accumulazione,partecipazione e distribuzione
4. Le medie devono confermersi a vicenda
5. Il volume deve confermare il trend
6. Un trend esiste fino a quando non emerge un chiaro segnale d’inversione.

Il mercato sconta tutto

Il mercato sconta tutto deve essere inteso nel senso che il prezzo di oggi di un titolo (inteso come indice, azione, future, materia prima ecc ecc) è il risultato di tutte le informazioni (economiche, politiche, lavorative) e le aspettative dei risparmiatori e degli investitori riguardo al futuro. Questo significa che ogni notizia relativa al titolo che ne possa comportare un cambiamento per il futuro, viene incorporata nel prezzo del titolo di oggi. Ad ogni nuova informazione, gli attori del mercato determinano il cambiamento di prezzo del titolo, facendo si che il nuovo prezzo sia adeguato alle mutate condizioni.

Il mercato è costituito da trend

Il trend primario è composto da trend secondari che a sua volta sono composti da trend minori. I prezzi del mercato seguono sempre un trend. Tutti i trend agiscono sul titolo e si differenziano secondo il periodo di tempo. I trend primari che durano da uno a più anni, i trend secondari che durano alcuni mesi, mentre i trend minori che durano giorni.

Il trend primario è costituito da tre fasi

  • accumulazione – entrano sul mercato solamente gli investitori bene informati che acquistano a prezzi bassi.
  • partecipazione – entrano sul mercato anche i meno informati, i prezzi iniziano a salire, si crea un trend positivo.
  • distribuzione – ormai tutti i partecipanti sono entrati sul mercato, i prezzi hanno raggiunto il loro massimo, i bene informati iniziano a vendere a prezzi elevati

Le medie devono confermersi a vicenda

Le medie sono degli indici, in particolare la teoria si riferiva al Dow Industrials e il Dow Transports, ovvero gli indici dei titoli relativi ai settori industriali e dei trasporti. I due indici devono darsi delle conferme, cioè devono entrambi salire al di sopra dei loro massimi, oppure in caso d’inversione, devono invertire entrambi.

analisi tecnica Teoria di Dow

Il volume deve confermare il trend

Il volume deve seguire il trend, quindi il prezzo. Questo significa che se ad esempio s’ instaura un trend ascendente, il volume deve cresce di conseguenza, e calare durante i trend ribassisti.

analisi tecnica secondo dow

Un trend esiste fino a quando non emerge un chiaro segnale d’inversione

Secondo Dow, non si può parlare d’inversione del trend fino a quando dei segnali non fanno emergere una chiara inversione. Ad esempio, questo accade quando, ad una successione di minimi e massi che danno vita ad un trend crescente, segue una successione di minimi e massimi decrescenti, cioè si forma un trend discendente.

I presupposti alla base dell’analisi

Esistono due metodi principali utilizzati per analizzare i titoli e prendere decisioni di investimento:  analisi fondamentale  e analisi tecnica. L’analisi fondamentale prevede l’analisi del bilancio di una società per determinare il valore equo del business, mentre l’analisi tecnica presuppone che il prezzo di un titolo rifletta già tutte le informazioni disponibili al pubblico e si concentri invece sull’analisi statistica dei movimenti dei prezzi. L’analisi tecnica tenta di comprendere il sentimento del mercato alla base dell’andamento dei prezzi cercando modelli e tendenze anziché analizzare gli attributi fondamentali di un titolo.

Charles Dow pubblicò una serie di editoriali che discutevano di teoria dell’analisi tecnica. I suoi scritti includevano due ipotesi di base che hanno continuato a costituire il quadro per il trading di analisi tecniche.

 
  • I mercati sono efficienti con valori che rappresentano fattori che influenzano il prezzo di un titolo
  • I movimenti dei prezzi di mercato non sono puramente casuali ma si muovono secondo schemi e tendenze identificabili che tendono a ripetersi nel tempo.
 

L’ipotesi di mercato efficiente (EMH) significa essenzialmente che il prezzo di mercato di un titolo in un dato momento riflette accuratamente tutte le informazioni disponibili e quindi rappresenta il vero valore equo del titolo. Questa ipotesi si basa sull’idea che il prezzo di mercato riflette la somma totale delle conoscenze di tutti i partecipanti al mercato. Sebbene questa ipotesi sia generalmente considerata vera, può essere influenzata da notizie o annunci su un titolo che può avere un’influenza varia a breve o lungo termine sul prezzo di un titolo. L’analisi tecnica funziona solo se i mercati sono debolmente efficienti.

 

La seconda ipotesi di base alla base dell’analisi tecnica, l’idea che le variazioni dei prezzi non siano casuali, porta alla convinzione degli analisti tecnici che le tendenze del mercato, sia a breve che a lungo termine, possano essere identificate, consentendo agli operatori del mercato di trarre profitto dagli investimenti basati su analisi delle tendenze .

 
Oggi l’analisi tecnica si basa su tre presupposti principali:

analisi tecnica e 3 punti principali

 
1: il mercato sconta tutto
 

Molti esperti criticano l’analisi tecnica perché considera solo i movimenti dei prezzi e ignora i fattori fondamentali. Gli analisti tecnici ritengono che tutto sia compreso nei fondamentali di un’azienda, in ampi fattori di  mercato e nella psicologia del mercato  . Ciò elimina la necessità di considerare i fattori separatamente prima di prendere una decisione di investimento. L’unica cosa rimasta è l’analisi dei movimenti dei prezzi, che gli analisti tecnici considerano il prodotto della domanda e dell’offerta per un determinato titolo sul mercato.

 
2: Il prezzo si muove nelle tendenze
 

Gli analisti tecnici ritengono che i prezzi si muovano nella tendenza a breve, medio e lungo termine. In altre parole, è più probabile che un prezzo delle azioni continui una tendenza passata rispetto a muoversi in modo irregolare. La maggior parte delle strategie di trading tecniche si basano su questo presupposto.

 
3: la storia tende a ripetersi
 

Gli analisti tecnici ritengono che la storia tende a ripetersi. La natura ripetitiva dei movimenti dei prezzi è spesso attribuita alla psicologia del mercato, che tende ad essere molto prevedibile sulla base di emozioni come la paura o l’eccitazione. L’analisi tecnica utilizza schemi grafici per analizzare queste emozioni e i successivi movimenti del mercato per comprendere le tendenze. Sebbene molte forme di analisi tecnica siano state utilizzate per più di 100 anni, si ritiene che siano ancora rilevanti perché illustrano modelli di movimenti dei prezzi che spesso si ripetono.

Come viene utilizzata questa tecnica

L’analisi tecnica tenta di prevedere il movimento dei prezzi praticamente di qualsiasi strumento negoziabile che è generalmente soggetto a forze di domanda e offerta, tra cui azioni, obbligazioni, futures e coppie di valute. In effetti, alcuni considerano l’analisi tecnica semplicemente lo studio delle forze della domanda e dell’offerta che si riflette nei movimenti dei prezzi di mercato di un titolo. L’analisi tecnica si applica più comunemente alle variazioni di prezzo, ma alcuni analisti tengono traccia di numeri diversi dal solo prezzo, come il volume degli scambi o i dati sugli interessi aperti.

 

In tutto il settore ci sono centinaia di modelli e segnali che sono stati sviluppati dai ricercatori per supportare il trading di analisi tecniche. Gli analisti tecnici hanno anche sviluppato numerosi tipi di sistemi di trading per aiutarli a prevedere e negoziare i movimenti dei prezzi. Alcuni indicatori si concentrano principalmente sull’individuazione dell’attuale tendenza del mercato, comprese le aree di supporto e di resistenza, mentre altri si concentrano sulla determinazione della forza di una tendenza e della probabilità della sua continuazione. Indicatori tecnici e schemi grafici comunemente usati includono linee di tendenza, canali, medie mobili e indicatori di momentum.

 

In generale, gli analisti tecnici esaminano i seguenti ampi tipi di indicatori:

 
  • Andamento dei prezzi
  • Pattern grafici
  • Indicatori di volume e quantità di moto
  • Oscillatori
  • Medie mobili
  • Livelli di supporto e resistenza

La differenza tra analisi Fondamentale e Tecnica

Analisi tecnica VS Analisi Fondamentale

L’analisi fondamentale e l’analisi tecnica, sono le principali strategie di analisi e anche le piu’ famose per quanto riguarda gli studi dei mercati finanziari. Entrambe le strategie di analisi hanno lo stesso fine, cercare di capire l’andamento dello strumento finanziario, capire il contesto in cui si trova in quel momento per poter prendere una decisione il piu’ precisa possibile, ma nonostante il loro scopo comune, come sempre ci sono i sostenitori di una o dell’altra, senza trovare mai una strada comune.

 

L’analisi fondamentale è un metodo di valutazione dei titoli tentando di misurare il  valore intrinseco  di un titolo. Gli analisti fondamentali studiano di tutto, dall’economia generale e dalle condizioni del settore alla condizione finanziaria e alla gestione delle aziende. I guadagni , le  spese , le  attività  e le  passività  sono tutte caratteristiche importanti per gli analisti fondamentali.

 

L’analisi tecnica differisce dall’analisi fondamentale in quanto il prezzo e il volume del titolo sono gli unici input. Il presupposto principale è che tutti i fondamenti noti sono presi in considerazione nel prezzo; pertanto, non è necessario prestare particolare attenzione ad essi. Gli analisti tecnici non tentano di misurare il valore intrinseco di un titolo, ma utilizzano invece grafici azionari per identificare modelli e tendenze che suggeriscono cosa farà un titolo in futuro.

Considerazioni finali

Il principale ostacolo alla legittimità dell’analisi tecnica è il principio economico dell’ipotesi dei mercati efficienti . Secondo l’EMH, i prezzi di mercato riflettono già tutte le informazioni attuali e passate e quindi non c’è modo di trarre vantaggio da schemi o errori per guadagnare profitti extra o alfa. Gli economisti e gli analisti fondamentali che credono in mercati efficienti non credono che qualsiasi informazione fruibile sia contenuta nei dati storici su prezzi e volumi, e inoltre che la storia non si ripeta; piuttosto, i prezzi si muovono in modo casuale .

 

Una seconda critica dell’analisi tecnica è che funziona in alcuni casi, ma solo perché costituisce una profezia che si auto-avvera. Ad esempio, molti trader tecnici inseriranno un  ordine stop loss al di  sotto della media mobile a 200 giorni di una determinata società. Se un gran numero di operatori lo ha fatto e lo stock raggiunge questo prezzo, ci sarà un gran numero di ordini di vendita, che spingeranno lo stock verso il basso, confermando il movimento previsto dagli operatori.

 

Quindi, altri operatori vedranno diminuire il prezzo e venderanno anche le loro posizioni, rafforzando la forza del trend. Questa pressione di vendita a breve termine può essere considerata auto-soddisfacente, ma avrà poca influenza su dove il prezzo dell’attività sarà tra settimane o mesi da oggi. In breve, se un numero sufficiente di persone utilizza gli stessi segnali, potrebbe causare il movimento predetto dal segnale, ma a lungo termine questo unico gruppo di operatori non può determinare il prezzo.

Questa tecnica ha bisogno di essere studiata per tantissimo tempo, dopo lo studio la devi mettere in pratica usando una Piattaforma di Demo Online oppure fare investimenti piccolissimi per testarla per svariati mesi, sino a quando non avrai una padronanza completa e soprattutto risultati concreti.

Se vuoi studiare una strategia di Trading semplice ed efficace immediatamente, studia il nostro Video Corso Gratuito sulla Stategia Trading Forex Relax

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su reddit
Reddit
Condividi su tumblr
Tumblr
Condividi su vk
VK
Condividi su stumbleupon
StumbleUpon
Condividi su xing
XING
Torna su